Autorizzazione all’uso dei cookie

Sito conforme al D.Lgs 179/16 e alle LL.GG. Agid del Maggio 2016
Le informazioni meno recenti sono comunque consultabili all'url
https://www.parinirovigliano.gov.it/old/

Tu sei qui

Incontriamoci sul Palcoscenico

I bisogni dei bambini

 

 La valenza educativa e pedagogica del teatro nella scuola è ormai riconosciuta e comprovata. Studi di sociologia culturale e di psicologia sociale mettono in evidenza come i bambini siano esposti ad un numero incontrollato di stimoli esterni: tv, giochi multimediali, pubblicità. Tutto quello che nell’adulto può trovare un filtro cognitivo, nel bambino incontra un soggetto pronto a recepire disordinatamente ogni sorta di informazione, immagine, suono. Durante le attività scolastiche o lelezioni si riscontranonei bambini una crescente difficoltà di ascolto, una fatica a rilassare il proprio corpo e la tendenza a fare giochi sempre più individuali, sempre più veloci e frammentari. E’ difficile che un bambino “di oggi” si incanti e si concentri su un gioco o un’attività per un tempo significativamente prolungato, al contrario tende a prevalere il desiderio di sperimentarne continuamente di nuovi, in modo superficiale e irrequieto. Nel caso peggiore l’attitudine al non-ascolto e la mancanzadi concentrazione rimangono l’unico filtro ai caotici ed estranianti stimoli esterni. Il teatro rappresenta la forma d’arte collettiva per eccellenza. Fare teatro significa anzitutto lavorare in gruppo, aprire tutti i canali per ascoltare se stessi e gli altri, concentrarsi insieme verso un obiettivo comune e stimolante: lo spettacolo. Quindi incentivare il bambino a impegnarsi, dare il meglio di sé e responsabilizzarsi nel lavoro con gli altri. Significa inoltre avere una vasta gamma di possibilità per esprimere creativamente il proprio mondo emozionale e farlo in uno spazio protetto in cui l’errore venga accolto e non censurato anche per i bambini svantaggiati o con problemi relazionali. Rendere i bambini protagonisti, soggetti attivi e partecipi alla realizzazione di un progetto condiviso accresce l’autonomia, mantiene alta la motivazione, stimola la ricerca e l’auto apprendimento. Se poi questo progetto è la costruzione di un evento teatrale, che mette in gioco la sensibilità, l’affettività e il linguaggio del corpo, la spinta a lavorare insieme e usare tutte le proprie capacità e competenze diventa potentissima.

Motivazione del Progetto

Cercando di imparare a conoscere se stessi, le proprie emozioni, il proprio corpo con i suoi movimenti e i suoi gesti, i bambini saranno coinvolti insieme ai compagni in attività che richiederanno impegno personale, ascolto e fiducia nei confronti degli altri e della propria persona con una maggiore disponibilità nella comunicazione. Infatti si riconosce l’importanza del corpo e del movimento corporeo come strumenti della comunicazione, perché alla base di tutti i linguaggi verbali mimici figurativi, gestuali, si trova la corporeità come elemento di mediazione nel momento in cui il soggetto si mette in relazione con l’altro.

 Destinatari del progetto: Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado

 Gli obiettivi generali del progetto sono:

Offrire a tutti i bambini, l’opportunità di esprimere le proprie emozioni e “mettersi in gioco”, scegliendo il ruolo ad essi più congeniale
Sperimentare linguaggi espressivi diversi: gestualità, immagine, musica, canto, danza e parola
 Potenziare e rafforzare la conoscenza di SE’ e dell’ALTRO

 Educare al rispetto dell’altro, alla collaborazione e alla cooperazione
Offrire una più compiuta possibilità d’integrazione ai bambini con qualche difficoltà
Ampliare gli orizzonti culturali dei bambini, stimolandone la sensibilità alle arti sceniche
Arricchire l’offerta formativa.

Obiettivi Cognitivi

 - Comprendere un testo teatrale, individuare personaggi, ambienti, sequenze, avvenimenti, relazioni.

 - Comprendere messaggi di testi musicali.

 - Comprendere i messaggi della narrazione.

Obiettivi Comportamentali

 - Interpretare in modo efficace situazioni di dialogo.

- Saper utilizzare il linguaggio mimico – gestuale e motorio – musicale.

 - Saper ascoltare e concentrarsi.

- Sapersi rapportare con il pubblico.

Contenuti

- Elaborare situazioni decorative.

 - Interpretare canti a più voci.

 - Interpretare ruoli e situazioni presentate dal testo teatrale.

-  Laboratorio Teatrale

 

Obiettivi specifici

Lingua italiana:

 -Leggere, analizzare e comprendere un testo teatrale

-Manipolare un testo teatrale

 -Scrivere nuovi dialoghi

-Memorizzare parti

Espressione teatrale:

conoscenza e uso dei linguaggi verbali e non verbali
sviluppare il rapporto del bambino con lo spazio, la voce e l’espressività corporea
stimolare l’immaginazione
ricreare le atmosfere attraverso il mondo emotivo e sensoriale del bambino
caratterizzazione del personaggio (riconoscersi e riconoscere gli altri)
 l’improvvisazione
creazione delle scene collettive

Educazione al suono e alla musica:

sviluppare le attitudini percettivo–acustiche del bambino, sia delle proprie possibilità espressivo –sonore, sia della espressività altrui
esperienze di produzione sonora e canora collettiva
ascoltare canti  
percorso di scrittura dei canti
illustrare i canti
memorizzare i canti
esecuzione dei canti in forma individuale e corale

Educazione fisica:

allenare e potenziare la coscienza corporea
composizione di coreografie individuali e di gruppo

Scenografia (Arte e immagine):

pittura e manipolazione per la costruzione di scenografia oggetti e costumi dello spettacolo
Realizzazione di cartelloni e disegni che accompagnano il percorso di lettura del testo teatrale

Risultati attesi:

 dare una più forte connotazione interdisciplinare al teatro
sottolineare la valenza educativa dell’esperienza teatrale come occasione di crescita
far vivere ai bambini in modo divertente e intelligente l’esperienza teatrale rendendola creativa e stimolante
 rafforzare il desiderio di conoscere l’altro,
educare alla collaborazione e alla cooperazione
favorire la partecipazione attiva dei bambini a sostegno di tematiche quali, l’arte, l’ambiente, l’ecologia e la pace

Punti di forza

Sviluppare: in modo significativo la propria autostima, mettendosi in discussione, correggendosi, lasciandosi guidare dal docente e dai compagni verso il raggiungimento dei traguardi previsti. Affrontare e superare la difficoltà e la paura di parlare davanti ad un pubblico Sapersi relazionare con i compagni e l’insegnante con linguaggi, luoghi e momenti diversi

Tempi: Durante l’anno scolastico, in tempi diversi secondo le esigenze degli alunni e l’organizzazione della scuola, durante l’orario scolastico, ed extrascolastico si proporranno rientri e attività che aiuteranno i bambini ad avvicinarsi al linguaggio teatrale, sia come spettatori, sia come protagonisti attivi.

Metodologia: l’educazione al gesto e al riconoscimento delle emozioni in modo ludico e divertente attraverso strumenti e mezzi che attingono alle situazioni quotidiane molto vicine al mondo dei bambini coinvolti nel progetto. Si cercherà di favorire l’interazione sociale attraverso il processo creativo e di aumentare le capacità di ascolto e fiducia verso i compagni nella coscienza, all’interno del gruppo, della responsabilità del singolo per il successo del lavoro di tutti.

Guardaci sul nostro canale YouTube:

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola".
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.59 del 25/04/2018 agg.16/06/2018