Autorizzazione all’uso dei cookie

Sito conforme al D.Lgs 179/16 e alle LL.GG. Agid del Maggio 2016
Le informazioni meno recenti sono comunque consultabili all'url
https://www.parinirovigliano.gov.it/old/

Tu sei qui

Coding e Multimedialità

 

La sfida del coding

Inserire il coding e il pensiero computazionale nella scuole di ogni ordine e grado è una sfida. Una sfida che grazie alle ultime innovazioni nel campo della didattica dell'informatica può essere vinta facilmente. La sfida consiste nell'individuare uno strumento e delle metodologie che risultino interessanti, utili ed efficaci non soltanto per gli studenti, ma anche e soprattutto per i docenti. Uno strumento che unisca studenti e docenti nella riconversione della scuola in un nuovo ambiente stimolante ed innovativo. E questo obiettivo è oggi alla nostra portata.

Se infatti gli studenti, oramai per la maggior parte nati in un mondo sostanzialmente orientato al digitale sono naturalmente portati ad usare, e ad usare con piacere, gli strumenti tecnologici, lo stesso non può essere detto della maggior parte dei docenti della scuola. Ma una strategia efficace dell'introduzione del digitale non può limitarsi a considerare l'uso del coding e del pensiero computazionale solo per poche ore alla settimana. Deve puntare ad introdurre l'uso di strumenti digitali a tutti i livelli e coinvolgendo i docenti di tutte le materie. L’applicabilità di una tale strategia è stata finora molto limitata dal senso di inadeguatezza che molti docenti provano nei confronti delle nuove tecnologie, senso di inadeguatezza che può essere non ultimo verificato dall'insufficiente uso delle LIM dove presenti.

Attualmente nella nostra scuola sono in Corso :

Imparo con Scracth

Scratch permette agli studenti di creare giochi o animazioni multimediali ed interattive usando immagini, musica e suoni. Scratch, grazie al suo design, è disponibile in italiano e permette anche ai docenti di imparare in maniera semplice ed intutiva a sviluppare supporti multimediali ed interattivi per le loro lezioni, per qualunque disciplina. Se Scratch è adatto a partire dai 7/8 anni, a Scratch si affianca ora Scratch Junior, un tool che permette addirittura ai bambini in età prescolare di afferrare in maniera giocosa i principi del pensiero computazionale.

Scratch, già di per sé molto evoluto e più che sufficiente, è un prodotto open source e può essere modificato ed integrato per adattarsi alle specifiche esigenze dell’ambizioso ma realistico progetto scolastico nazionale che intenda migliorarlo per renderlo disponibile a studenti e docenti di ogni ordine e grado.

Scratch integra già al suo interno tool di disegno vettoriale, l’accesso alla webcam, l’uso di file multimediali permettendo agli studenti di sviluppare le loro competenze digitali.

I docenti di qualunque settore possono imparare ad usare Scratch in maniera intuitiva. Sono stati condotti esperimenti che hanno dimostrato come docenti di materie principalmente umanistiche delle scuole elementari non abbiano avuto difficoltà a scoprire da soli come funziona Scratch, e abbiamo appreso in maniera velocissima (meno di due ore) come poterlo usare per realizzare in maniera molto semplice ed immediata supporti didattici interattivi per le loro lezioni.

Nell’ambito di progetti condotti nelle scuole elementari si è visto come gli alunni stessi, naturalmente portati a esplorare e a sperimentare, abbiano coinvolto i loro insegnanti nell’uso di Scratch e siano addirittura giunti a spiegare loro il funzionamento e le potenzialità dello strumento. L’uso di uno strumento comune che permetta allo stesso tempo ai docenti di innovare la didattica e agli studenti di essere introdotti al coding e al pensiero computazionale è un’opportunità eccezionale.

Afferrare i concetti del coding e del pensiero computazionale divertendosi

Scratch permette agli studenti di usare da subito, anche senza doverli prima studiare teoricamente, sia tutti i concetti più importanti che sono alla base del coding e del pensiero computazionale che altri più avanzati, come ad esempio:

·  Gli Algoritmi
·  I Cicli
·  Le Procedure
·  Le Variabili
·  Le basi degli Oggetti e delle classi
·  La Programmazione concorrente

 

Multimediale a Scuola

"Ci sono pittori che dipingono il sole
come una macchia gialla,
ma ce ne sono altri che,
grazie alla loro arte e intelligenza,

trasformano una macchia gialla 
nel sole."
(Pablo Picasso)

L’Istituto da alcuni anni si è posto il problema di fornire concrete opportunità formative attraverso un progetto di sviluppo delle tecnologie didattiche finalizzato al miglioramento della professionalità dei docenti, dell’efficienza dei sistemi di informazione e di comunicazione interna ed esterna e dell’efficacia del processo di insegnamento/apprendimento. Durante il corso Multimediale si utilizzano diversi software ed ambienti digitali per insegnare a creare e comporre video, ebook , presentazioni e prodotti audiovisivi.

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola".
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.59 del 25/04/2018 agg.16/06/2018